Usata come cavia dai nazisti

di Biagio Simonetta

Torturata e usata come cavia dai nazisti. Una testimonianza che mi ha letteralmente sconvolto, quella di Lidia Maksymowicz a “Che Tempo Che Fa”.

“Avevo 3 anni, arrivammo ad Auschwitz in un carro bestiame, il fatto di essere stata separata da mia madre è stato molto doloroso. I bambini venivano messi in una baracca e venivano usati da Mengele per i suoi esperimenti.

Mia madre veniva strisciando alla mia baracca per portarmi da mangiare e farmi ricordare il mio nome. Non ricordavo più il suo viso, ma solo le sua mani che mi portavano da mangiare.

Tra i bambini non c’era solidarietà ma solo una lotta per la sopravvivenza.”

Quanto dolore. Chi dimentica è complice.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: