Unione Popolare

di Salvatore Romeo

Unione Popolare non ha raggiunto il quorum, fermandosi a metà strada. Il risultato viene spiegato da alcuni suoi dirigenti soprattutto con i tempi strettissimi della campagna elettorale. È un elemento, ma a me non sembra il più essenziale. L’orizzonte temporale su cui modulare l’analisi non può che essere più ampio, e il soggetto su cui concentrare l’attenzione meno circoscritto.

Quel risultato è in sostanza il frutto di quindici anni di tentativi (non tutti ugualmente validi) abortiti di dare corpo a un’aggregazione politica nel campo della sinistra radicale. Ognuno di quei progetti è entrato in crisi all’indomani delle elezioni, provocando ad ogni occasione una dispersione di forze che ha reso il tentativo successivo ancora più fragile. I gruppi dirigenti che non hanno colto tale dinamica nell’arco di tutto questo tempo portano una grave responsabilità – ma i militanti (fra cui il sottoscritto) che li hanno assecondati non sono del tutto esenti da colpe.

Ora la vera prova del nove è su questo terreno. Aspettarsi un’inversione di tendenza nelle urne, alle condizioni date, era eccessivo; necessaria è invece un’inversione di tendenza nella costruzione politica, per evitare di reiterare un’insensata (e sempre meno sostenibile) fatica di Sisifo. Questo vuol dire, anzitutto ed essenzialmente, non dismettere Unione Popolare, e anzi consolidarla.

Un impegno particolare è richiesto ad ogni attivista, soprattutto quelli impegnati nelle organizzazioni che hanno dato vita alla lista. Esercitare anche sui nostri dirigenti e su noi stessi la critica che siamo così bravi a rivolgere agli altri; attivare le nostre intelligenze e le nostre energie per comprendere quello che ci sta intorno e individuare modi adeguati di organizzazione; armarsi di pazienza e sforzarsi di praticare la mediazione; ricercare il confronto con mondi anche molto distanti dal nostro; prendersi cura gli uni degli altri. Queste alcune delle cose da cui non si può prescindere.

La fase che si apre è gravida di incognite e di pericoli. Se pensiamo di poter dare ancora un contributo alla costruzione di un’alternativa alla barbarie non possiamo più permetterci di disperdere forze.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *