Un uomo in difficoltà

di Gian Paolo Serino

Perché è un uomo di 49 anni palesemente e disperatamente in difficoltà.
Perché quando qualcuno è a terra non lo si prende a calci, gli si tende la mano come ha fatto Irama.
Perché ridere delle disgrazie altrui è la forma più spudorata di meschinità.
E, infine, perché in pochi anni di carriera, prima di perdersi, ha staccato dalla chitarra alcuni brani che sono entrati di diritto tra i classici del cantautorato contemporaneo (tra cui il pezzo di ieri sera), e non so per quanti di quelli in gara a Sanremo si possa dire lo stesso.
Gianluca Grignani è un artista a tratti sublime e un abilissimo sabotatore di sé. Vederlo mentre vaga spaesato e confuso per la platea dell’Ariston come se cercasse un’uscita inesistente della sua vita mette tristezza per quello che poteva essere e non è stato.
Ma fa ancora più male la furibonda ondata di commenti dei miserabili che lo stanno deridendo sui social senza pietà né dignità.
Proprio oggi, nel momento più buio, voglio ricordare a Gianluca quanto talento ha avuto in sorte e quanta strada ha ancora davanti, sopra e sotto il palco. Abbiamo litigato, non è difficile con Te, ma un amico con cui si è lavorato, divisi giorni e nottate non si dimentica. Sei il più geniale tra gli artisti con i quali ho lavorato. Non salutare il mondo perché poi il mondo, lo vedi in queste ore, saluta te.
Gian Paolo.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: