Roffredo Caetani

di Filippo Neri

Roffredo Caetani (1871-1961) era un musicista e nel 1902 conobbe a Parigi Marguerite Chapin, ricca ereditiera americana, trasferitasi in Francia, dopo essere rimasta orfana. Nel 1911 si sposarono, rimasero a vivere a Parigi ed ebbero due figli, Lelia e Camillo. Marguerite, donna di grande cultura, fondò la rivista Commerce e organizzavano grandi ricevimenti, nella loro villa di Versailles, con Paul Valery, Joyce, Stravinky, Picasso, Ungaretti. La crisi finanziaria del 1930 colpì la famiglia, per cui vendettero tutto e si trasferirono in Italia, dove Marguerite, con la figlia Lelia, si dedicarono principalmente a rivitalizzare i Giardini di Ninfa, abbandonati da cinque secoli. Nell’inverno del 1940 Camillo cadde sul fronte albanese, con immenso dolore per i genitori. Nel 1948 Marguerite fondò la nuova rivista, intitolandola alla strada dove si trovava il loro palazzo, Botteghe Oscure appunto. Vivevano con la famiglia un po’ Roma, un po’ a Ninfa e un po’ nel castello di Sermoneta. Pare che Marguerite fosse legata alla Massoneria americana. Sua figlia Lelia si dedicava alla pittura e alla musica, oltre che a curare l’orto botanico di Ninfa, diventato uno dei più belli al mondo. Dal 1948 al 1963, furono stampati 25 numeri della rivista letteraria. Lelia si era sposata con Howard, ma non ebbero figli. Nel 1961 morì Roffredo, poi nel 1963 Marguerite e nel 1977, con la scomparsa di Lelia, la dinastia si è estinta. I beni sono ora gestiti dalla fondazione Roffredo Caetani e dalla fondazione Camillo Caetani. Durante la seconda guerra mondiale, numerosi bambini furono ospitati da Marguerite e Lelia in una fattoria, a Ninfa. La casa è quella della foto e Beppe, il signore con i capelli bianchi, era uno di quei bambini.

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Luigi Pepe ha detto:

    Botteghe oscure è stata una delle migliori riviste letterarie del Novecento: segretario di redazione e maggiore collaboratore fu Giorgio Bassani. Si tratta di Caetani di Sermoneta non di Gaetani dell’Aquila.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *