Rarissime fotografie della Reggia di Caserta

di Domenico Pasquariello

Queste rarissime foto risalgono addirittura alla seconda metà dell’800 e sono molto probabilmente le prime della Reggia di Caserta.
Il periodo storico di riferimento non è quindi quello borbonico ma i primi decenni del Regno d’Italia.

Queste immagini ci danno diverse informazioni interessanti.
Tra le tante, è interessante notare che le statue di presentavano in ottimo stato, senza le mutilazioni ed i danni che da tempo vediamo su alcuni soggetti.
Infatti, oggi non poche statue si presentano monche delle escrescenze, come dita, parti di gambe e braccia, corna o ali.
Questi sono elementi più fragili e quindi soggetti a rompersi a causa delle intemperie o del semplice passar del tempo.

Per tale motivo è molto interessante vedere queste foto della seconda metà dell’800 che mostrano i gruppi scultorei integri dei pezzi oggi mancanti.
Questo significa anche che in quel periodo ci tenevano molto alla manutenzione della Reggia ed a preservare l’integrità delle statue.
D’altronde da documenti ufficiali sappiamo che all’epoca furono fatti degli importanti interventi di manutenzione e di restauro nella Reggia di Caserta, come quello alle sculture del giardino inglese avvenuto nel 1865.

Tra l’altro i danni che vediamo oggi sono comunque non recenti, anche se immagini (parziali) dell’istituto Luce risalenti al 1928 sembrano mostrare che questi danni erano minimi fino a quella data.
La Reggia ha vissuto un periodo nero sicuramente negli anni’40 e ’50 del 900, come gli stessi cinegiornali d’epoca ci ricordano,e quindi forse i danni sono avvenuti in quel periodo.

Altra informazione interessante che si trae dalle foto è che non sono presenti le 3 statue appartenenti alla “fontana delle bagnanti” che si trova nei giardini del Quirinale a Roma, a ulteriore conferma che alla fine dell’800 furono prese 3 statue dai magazzini della Reggia per adornare una fontana costruita a Roma, e quindi non furono smontate dai gruppi scultorei esistenti nel parco della Reggia.
D’altronde diverse sculture si trovavano nei magazzini della Reggia perché durante la costruzione si era rinunciato a determinati progetti o semplicemente li si era modificati.

Nelle foto d’epoca si nota pure un dettaglio interessante, cioè un maggior flusso dell’acqua in alcune cascate, che visibilmente portano più acqua rispetto ad oggi.
Questo in alcuni casi crea dei giochi d’acqua oggi non più visibili, in un caso in particolare si nota addirittura il doppio dei getti d’acqua rispetto ad oggi.

C’è da aggiungere che nelle immagini dell’Istituto Luce del 1928 apparentemente si vede lo stesso flusso d’acqua della seconda metà dell’800, sebbene le foto del 1928 non coprono tutte le fontane.
In un cinegiornale degli anni’50 del 900 si parla però del problema che il flusso d’acqua è ridotto a causa del fatto che solo una parte dell’acqua portata dall’acquedotto di Vanvitelli arriva alla Reggia mentre il resto non vi arriva per motivi allora sconosciuti.

Nelle immagini di fine ‘800 si nota anche che alcune delle piante del parco appaiono decisamente curate, una parte degli alberi lungo il viale delle fontane sono potati geometricamente, mentre oggi sono al naturale, senza potatura.

Ulteriori ed interessanti osservazioni le trovate nella descrizione delle singole foto allegate.

Queste foto furono fatte all’epoca da imprenditori per scopi commerciali, come per l’utilizzo in apparecchi stereoscopici dell’epoca dove le foto venivano duplicate ed affiancate davanti agli occhi.

Fonte: stiti internet di Getty Museum di Los Angeles (USA), Museum of Fine Arts di Boston (USA), Rijksmuseum ad Amsterdam (Olanda).
(A tal proposito ci sarebbero tutta una serie di riflessioni se sia normale trovare questi ed altri documenti storici liberamente consultabili su siti internet esteri e non trovarli su quelli italiani).

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *