Non strumentalizzate la Shoah

di Ariel Toaff

La Shoah non deve essere banalizzata, usata come copertura e giustificazione di malefatte attuali, manipolata con una strizzatina d’occhio, vomitata aggressivamente sugli avversari per tacitare le loro critiche, trasformata in uno strumento profittevole e a portata di mano.
Sedici anni fa scrivevo che “troppe volte la Shoah viene usata in dosi massicce come fosse un deodorante”. Non ho cambiato idea perchè credo che la Shoah troppo spesso venga offesa nei suoi valori memorabili e attuali, come avvertiva Primo Levi, e trasformata in una improbabile e strumentale caricatura.
Lo scrivevo in “Ebraismo virtuale” (Rizzoli-Laterza, settembre 2008) e lo ripeto oggi in una situazione senza dubbio peggiorata da allora.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *