Non ci sono soldi se non per…

di Pasquale Palmieri

Mesi, a volte anni, per racimolare qualche centesimo in più per istruzione, sanità, trasporti, assistenza. Scuole fatiscenti, ospedali senza letti e attrezzature, autobus e treni sempre più cari.

Mesi di sudore e fatica per capire come proteggere i cittadini dal costo esorbitante delle bollette energetiche e del carburante. Livello di povertà alle stelle. Incapacità cronica di approvare una legge contro omofobia e transfobia.

Bastano invece poche ore per far passare la spesa militare dall’1,5% al 2% del Pil. Fino a oggi erano 25 miliardi di euro annui (68 milioni di euro al giorno). Diventeranno 38 miliardi di euro l’anno (104 milioni al giorno). La Camera vota a favore, quasi all’unanimità.

Nel frattempo scopriamo che John Elkann – presidente del Gruppo Gedi, proprietario12 quotidiani, 8 periodici, 4 emittenti radiofoniche e 23 testate digitali – ha interessi economici enormi legati all’industria delle armi.

Potremmo dire che tutto questo fa schifo. Ma non sarebbe abbastanza.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: