Lucca, Piazza Anfiteatro

di Riccardo Franchini

👁️ Piazza Anfiteatro. Lucca
La piazza nacque nel medioevo e in quest’epoca era chiamata “parlascio”, una storpiatura del latino paralisium (“anfiteatro”), che per influenza della parola “parlare”, fu detto che indicasse il luogo dove si tenevano le riunioni di cittadini. Fu progressivamente riempita di costruzioni, variamente utilizzate come deposito di sale, polveriera, carcere.

Solo nell’Ottocento, per opera dell’architetto lucchese Lorenzo Nottolini, fu decisa una ripresa urbanistica dell’antica struttura. Fu dunque liberato lo spazio dell’arena dalle piccole costruzioni che vi si affollavano e fu aperta la “via dell’anfiteatro” che ne ripercorre all’esterno il profilo ellittico. Il nuovo spazio urbano fu utilizzato per il mercato cittadino (mercato delle vettovaglie), fino a che – nella prima metà del Novecento – la sede fu spostata nel Mercato del Carmine.

Ad oggi il piano della piazza, sulla quale si aprono numerosi negozi, è rialzato di circa 3 metri rispetto all’arena romana. L’accesso alla piazza è possibile tramite 4 porte a volta, ma solo una di queste, la più bassa, ricalca esattamente uno degli originari accessi. Una curiosità da notare, è la croce incisa su una mattonella al centro della piazza, nel punto di intersezione tra le 4 porte.

🇬🇧

Lucca. Amphitheater Square
The square was born in the Middle Ages and in this era it was called “parlascio”, a mispronunciation of the Latin paralisium (“amphitheatre”), which due to the influence of the word “to speak”, was said to indicate the place where citizens’ meetings were held. It was progressively filled with buildings, variously used as a salt deposit, powder magazine and prison.

Only in the nineteenth century, thanks to the Lucca architect Lorenzo Nottolini, was an urban revival of the ancient structure decided. The space of the arena was therefore freed from the small buildings that crowded there and the “amphitheater street” was opened which retraces its elliptical profile on the outside. The new urban space was used for the city market (supply market), until – in the first half of the twentieth century – the headquarters were moved to the Carmine Market.

To date, the level of the square, on which numerous shops open, is raised by approximately 3 meters compared to the Roman arena. Access to the square is possible via 4 vaulted doors, but only one of these, the lowest, follows exactly one of the original accesses. A curiosity to note is the cross engraved on a tile in the center of the square, at the intersection point between the 4 doors.

📷 Foto : IG giacomo_sergi_88

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *