Lucania 61

di Romeo Fraioli Bianchi

LUCANIA 61 – Matera

Il dipinto Lucania 61 è un omaggio del pittore Carlo Levi alla terra e alle genti della Basilicata. Il dipinto, scrive Franco Palumbo, “come uno schermo panoramico, racchiude la storia di Tricarico e del suo poeta Rocco Scotellaro, di Grassano e Aliano, luoghi di confino dello scrittore-pittore, e di Matera capitale della ‘cultura contadina’. Il quadro misura 18,50 metri in lunghezza e 3,20 metri in altezza è composta “da cinque pannelli: il primo, più grande, ha sei metri di base, gli altri quattro hanno una base di tre metri ciascuno. Sulla sinistra è rappresentata una scena del Lamento funebre per Rocco Scotellaro, che riprende fedelmente il quadro omonimo dipinto tra il ‘33 e il ‘34. La seconda scena è costituita dalle case di un paese che è sostanzialmente un «Sasso». Spostandosi verso destra, si vede una donna con un bambino con il costume di Pisticci, alcuni bambini, contadini che tornano dai campi, Rocco attorniato dalla sua gente e da fratelli d’anima (come Saba), e infine figure di disoccupati. Il grande poema pittorico risponde in buona parte al progetto che Carlo ha da tempo di una storia del Sud negli ultimi vent’anni. Storia di miseria, di abiezione, di dignità, di lotta, di resurrezione: dalla quale sembra levarsi più forte l’ammonimento degli anni e il lutto fatto di pudore e amarezza, portato ad una civiltà che si va dissolvendo e per un’Italia che si dà un altro volto in attesa di un futuro migliore”, cit. tratta da Gigliola De Dovuto e Sergio D’Amaro, Un torinese del Sud: Carlo Levi, Baldini & Castoldi editori, Milano, 2001, p.275.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *