L’impietosa fotografia dell’ISTAT

di Giuseppe Barone

L’ Istat fotografa per il 2021 un Paese vecchio, più solo, più povero e in crisi. Gli italiani con più di 65 anni sono il doppio dei ragazzi sotto i 15 anni, le famiglie composte da una sola persona sono un terzo del totale e risultano più numerose delle coppie con figli, continua il calo demografico con la riduzione delle nascite ( le donne concepiscono il primo figlio in media a quasi 32 anni ! ), si allarga la forbice tra occupati e disoccupati e cresce la precarizzazione del lavoro femminile e giovanile. Aumentano le disuguaglianze sociali e il tasso di povertà, anche tra il ceto medio. Nel 2022 stiamo peggiorando, tra pandemia strisciante e guerra mondiale alle porte. E la politica balbetta, in un mondo sempre più inospitale.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: