L’elogio delle vanità

di Riccardo Sedini 

Nel 1965, un anno dopo il trionfo di critiche, di vendite e di premi di “Il male oscuro”, Giuseppe Berto fu invitato dalla Rizzoli, di cui era ora l’autore di punta, a scrivere un libretto-strenna fuori commercio e destinato agli amici della casa editrice. In quell’arco di tempo, Berto aveva continuato – vanitosamente, è il caso di dire e per sua stessa ammissione – ad assaporare le fortune mediatiche di quel suo romanzo, il che lo spinse ad interrogarsi su cosa tutto ciò potesse umanamente significare. Nacque così “Elogio della vanità”, un pamphlet sul «peggiore dei peccati», opera di un autore a lungo considerato «eretico», ma di cui era ormai impossibile disconoscere il talento. Dapprima «censurato» dalla stessa casa editrice, per alcuni rimandi critici all’attualità letteraria dell’epoca, poi andato più o meno casualmente perduto, l’Elogio è rimasto di fatto inedito per quasi cinquant’anni. In esso, attraverso lo specchio deformante della vanità, Berto immortala l’inutile agitarsi di una società, la nostra, orfana di qualsiasi criterio di discernimento e del furore della rivolta. Al liquefarsi di tutto, non rimane che combattere giorno per giorno per preservare dal maligno la propria coscienza. Il resto non è vanità, ma semplicemente «vano».

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *