Lello Feltrinelli

di Bruno Bonelli

A Napoli esiste un personaggio unico. Ex commesso di articoli sacri senza lavoro, si è inventato un destino da libraio ambulante con una bancarella a Spaccanapoli. Così è diventato per magia Lello Feltrinelli grazie a un amico, il quale un po’ per canzonarlo alla maniera napoletana e un po’ per augurargli di fare molti affari, gli ha affibbiato come cognome posticcio proprio quello di un famoso brand italiano di editori.

La sua libreria mobile (nel senso che la sera la smonta) ormai è un appuntamento fisso per chi passeggia nel cuore della città. Lello è diventato famoso: ha prestato la sua faccia al cinema e ha una pagina Fb con tanti followers. “Oggi che tieni di buono?”, gli chiedono i clienti affezionati. E Lello indica gli ultimi arrivi. I suoi libri arrivano da collezioni di privati e quindi sono di tutti i generi. Storia, arte, filosofia, romanzi, saggi. Insomma, basta avere l’occhio buono e l’appassionato lettore si porta a casa un bel bottino con pochi spiccioli.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *