Le origini del fascismo a Ravenna

di Eugenio Fusignani

Cento anni fa, esattamente il 12/9/1921, tremila fascisti provenienti da Bologna e Ferrara, comandati da Dino Grandi, Baroncini e Italo Balbo, fecero la prima “marcia su Ravenna”, proprio in occasione del sesto centenario della morte di Dante.

Vi fu l’assalto a Circoli socialisti, alla Camera del Lavoro ed alla Federazione delle Cooperative e fu la prova generale per la successiva “Marcia su Roma”. Soprattutto fu la prova generale dei riti paramilitari e delle tattiche squadriste che, di lì a poco, divennero, ahimè, tristemente note. Quel giorno, le camicie nere assaltarono la Camera del lavoro di piazza Marsala e varie sedi di partiti e di cooperative, saccheggiando negozi, bastonando e insultando alcuni sacerdoti (incluso monsignor Celso Costantini, delegato apostolico a Fiume).

Oltre a Balbo, i comandanti della spedizione furono Caradonna, Grandi e Misuri. Lo squadrismo del 1921, quindi, non fu solo una fase di cieca violenza contro i ‘rossi’ in genere, ma un’operazione ben definita e ragionata volta a colpire il nemico nei punti nevralgici. Già in precedenza c’erano stati alcuni danneggiamenti di spacci di consumo o minacce proferite all’insegna di presidenti e di consiglieri di alcune società iscritte alla Lega delle cooperative, ma si era trattato di episodi circoscritti e dopotutto di lieve entità.

Invece, in questa occasione, si vollero dimostrare pubblicamente la forza e le finalità dei camerati. E poco importa se, a fronte dello spiegamento di camice nere, gli episodi di violenza furono sostanzialmente contenuti; il dado del fascismo era tratto e il solco dello squadrismo tracciato.

Ricordare significa conoscere, e conoscere la storia serve ad evitare di ripetere gli stessi errori. Per dirla con Cicerone, “historia magistra vitae“.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: