Le lezioni dei Maestri

di Marzio Zananatoni

NOVITA’ LIBRARIE. È un periodo di grande attenzione da parte di diversi editori e non solo alla storiografia e agli storici. Una delle ultime proposte viene da F. Angeli con il volume “Attraverso le età della storia. Le lezioni dei maestri”, a cura di Carlo Fumian (euro 26,00). Il libro analizza e racconta le biografie di 10 storici di generazioni diverse, nati tra la fine dell’Ottocento e i primi decenni del Novecento, da Gino Luzzatto a Gaetano Salvemini, da Innocenzo Cervelli a Marino Berengo, da Franco Venturi a Pasquale Villani ed altri ancora. Storici in gran parte dell’area liberal-democratica, o vicini alla storiografia marxista, militanti o meno in partiti o movimenti politici, storici delle istituzioni, dell’economia, delle idee. Il proposito è quella di narrare la biografia intellettuale e accademica di importanti maestri della storiografia moderna e contemporanea da parte di uno dei loro allievi in modo da mostrare come si sono formati, sono cresciuti e si sono evoluti i loro interessi disciplinari. Dal libro di apprende una ampia storia della nostra cultura tra Ottocento e Novecento, poiché molte delle opere di quei “maestri” hanno segnato non solo la loro stretta area scientifica. Il limite del volume è la disunità dei singoli saggi. A fronte di un ampio ritratto di Angelo Ventura, con un’utile e completa bibliografia delle opere (l’unico ad averla), vi sono testi sin troppo sintetici, su personaggi come Innocenzo Cervelli o Pasquale Villani, tanto per citarne un paio, che suscitano curiosità biografiche che sarebbe stato interessante approfondire più ampiamente. Il pregio, al contrario, è quello di rivelare molto spesso lati poco noti della loro biografia, confessati dal “maestro” all’allievo, che aiutano il lettore ad avere una immagine anche inedita di uomini conosciuti solo attraverso il loro lavoro scritto o dentro le aule universitarie.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: