L’antifilologismo

di Renzo Tosi

Negli studi di storia della filologia si tende talora a far coincidere l’antifilologismo di certa antichistica italiana di inizio Novecento con la critica al metodo del Lachmann. Ciò non mi pare corretto: la crisi del lachmannianesimo comprende anche la messa in discussione dei suoi postulati (ad es. dell’unicità dell’archetipo e della trasmissione solo verticale); l’antifilologismo è erede della concezione romantica del poeta creatore, propugna innanzi tutto una esegesi estetizzante, aliena da ogni studio seriamente scientifico del testo. Insomma, se è lecito un paragone matematico, si tratta di due insiemi ben distinti, che hanno solo una non grande sezione di intersezione.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *