La rotta degli hippie

di Antonio Lavecchia

Hippie Trail, “la rotta degli hippie”, è il nome dato al viaggio intrapreso da un’intera generazione di giovani tra gli anni Sessanta e Settanta, attraverso l’Europa e l’Asia.
Un viaggio alla ricerca della libertà, dalle principali città dell’Europa Occidentale, a bordo dei classici pulmini Volkswagen, in autobus o in autostop, gruppi di hippie si avventuravano in un viaggio, fisico e spirituale.
Quasi tutti i viaggiatori raggiungevano Istanbul, dove i percorsi si dividevano: la rotta settentrionale, la più battuta, attraversava Teheran, Herat, Kandahar, Kabul, Peshawar e Lahore, per arrivare in India e in Nepal; l’alternativa rotta meridionale passava dalla Turchia attraverso Siria, Giordania, Iraq, Iran e Pakistan. Le destinazioni principali erano Delhi, Varanasi, Goa, Kathmandu e Bangkok, luoghi dove poter vivere indisturbati esperienze psichedeliche.
I viaggiatori erano europei, nordamericani, australiani e giapponesi, e durante il percorso s’incontravano per scambiarsi esperienze, cercando di rendere il viaggio il più economico possibile, così da prolungarlo.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *