La morte del generale Enrico Mino

di Giovanni Trombetta

Il 31 ottobre 1977, alle pendici del Monte Covello in località Rimitello, a Girifalco (CZ), cadde l’elicottero AB 205 su cui viaggiavano sei Carabinieri. Erano il Gen. C.A. Enrico MINO, Comandante Generale dell’Arma, il Col. Francesco FRISCIA, Comandante della Legione di Catanzaro, il Tenente Colonnello Luigi VILARDO, aiutante di campo del Comandante Generale, il Tenente Colonnello Francesco SIRIMARCO, Comandante del Centro Elicotteri di Pratica di Mare, il Tenente Francesco CERASOLI, pilota della Base Elicotteri di Vibo Valentia, e il Brigadiere Costantino DI FEDE, motorista del Centro Elicotteri di Pratica di Mare. Il Generale Mino si trovava in Calabria per conoscere di persona i luoghi dove muovevano le cosche della ’ndrangheta, all’epoca attive nei sequestri di persona, e insieme ai suoi collaboratori stava effettuando una ricognizione nelle aree di Rosarno, Taurianova e Reggio Calabria. Non ci furono superstiti. Non dimentichiamo il loro sacrificio!
🇮🇹 Nei Secoli Fedele 🇮🇹

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *