La minaccia della Nato è un pretesto

di Mario Scialoja

La tanto sbandierata minaccia dell’avvicinamento della Nato a Est è un pretesto per l’aggressione all’Ucraina.
Un pretesto con un aggancio alla realtà, ma pur sempre un pretesto. Anche perché la Nato è già a 160 chilometri da San Pietroburgo.
In realtà quello da cui Putin si sente minacciato è la prossimità con paesi democratici, con libertà di stampa e di pensiero, con una ricchezza culturale in una società aperta…
Come scrive il poeta spagnolo Manuel Vilas, “Putin vede la prosperità dei paesi occidentali come un’umiliazione personale e reputa la superiorità morale delle democrazie occidentali una minaccia per la Russia post sovietica”.
E Vilas aggiunge qualcosa che riguarda direttamente il velato dibattito italiano : “il comunismo crepuscolare putiniano seduce ancora certi intellettuali disposti ad accettare la sua mercanzia ideologica perché pensano in tal modo di opporsi all’imperialismo americano”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: