La garanzia dei diritti

di Vittorio Sgarbi 

Nella garanzia dei diritti non ci sono gerarchie.

Abbiamo visto che è riconosciuto legittimo dai vertici dell’esercito il matrimonio di due persone dello stesso sesso.

È un affare privato ma si consente che l’unione si compia in divisa.

Non lo discutiamo ma, parimenti, dev’essere consentito non in divisa, ma in un libro, scrivere le proprie idee, tra l’altro legate a profondi principi cristiani senza patire sanzioni. In caso contrario, come è avvenuto, non si fa altro che confermare le idee e i pensieri che si intende punire.

Ogni posizione e ogni libertà garantita dalla costituzione non può essere censurata.

Il pensiero progressista non può autoritariamente mortificare e spegnere il pensiero conservatore.

Dopo il trattamento subito il Generale Vannacci potrà ancora scrivere e parlare o dovrà essere umiliato dalla dittatura della minoranza attraverso l’autorità dello Stato? Questo è regime.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *