La Crocifissione, un dipinto di Lorenzo Lotto

di Gian Ruggero Manzoni

NON ERO MAI ANDATO E FINALMENTE L’HO VISTA DAL VERO – Effetto sconcertante, ho dovuto fare tre lunghi respiri per quello che mi è giunto … per quello che l’opera mi ha trasmesso. LA CROCIFISSIONE è un dipinto a olio su tela (cm 425,5 x 248 cm) di LORENZO LOTTO datato 1529 – 1534 e conservato presso la chiesa di Santa Maria della Pietà in Telusiano, a Monte San Giusto di Macerata. Il dipinto fu commissionato dal Vescovo di Chiusi e Legato Apostolico Niccolò Bonafede per l’altare maggiore della chiesa, che, appunto, era stata consacrata nel 1529 a spese proprio del Bonafede. L’imponente cornice dorata che contiene il dipinto fu realizzata, anch’essa, su disegno dello stesso Lotto. La Croce di Cristo, indicata dalle lance, è il fulcro e l’asse della rappresentazione, sotto la quale avviene la scena del deliquio angoscioso di Maria. La sensazione è quella di una drammatica coralità, accresciuta dalle linee convergenti che sottolineano i punti focali, mentre tutt’intorno i gruppi di figure creano un vorticoso movimento, per la varietà delle pose, tutte diverse ma tutte coerenti. LORENZO LOTTO (Venezia, 1480 – Loreto, 1556) è stato tra i massimi esponenti del nostro Rinascimento. L’uomo al centro della tela, alla base della croce, che guarda verso di noi, è un autoritratto del Lotto. Quale curiosità… per dare continuità anche notturna al dipanarsi del dipinto (visto che i tempi di consegna si stavano allungando troppo) furono consumate 8.400 candele al costo, ognuna, di quasi un salario giornaliero di un comune lavoratore di allora.

BUON FINE SETTIMANA AMICHE E AMICI !!!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *