Il sistema Storia_Glocale

di Armando Pepe

Il sistema “Storia_Glocale” prevede un blog https://storiaglocale.com, in cui periodicamente escono recensioni di libri a prevalente carattere storico e/o storiografico e approfondimenti su temi di storia globale e locale. In più, prevedendo una focalizzazione specifica su di argomenti di natura regionale, incentrati su fatti e vicende inerenti alla Campania, tramite links appositi sono offerte delle estensioni ad appositi articoli o brevi saggi.
La valorizzazione del territorio attraverso le fonti, edite o inedite, disponibili rappresenta la mission non solo dell’omonimo blog, precedentemente richiamato, ma si configura quale progetto, aperto a tutti, di sviluppo incessante della conoscenza dei luoghi a noi cari e vicini.
Le linee guida riconducono a riflettere sulla storia moderna e contemporanea del Matese, inteso nella propria globalità e non diviso da immaginari confini, che nei secoli passati non avevano ragion d’essere. Ci si propone, considerato l’aspetto informatico, dinamico e progressivo, di fare e pubblicare ricerche innovative e trasversali, in modo da disseminare sia informazioni sia ragionamenti analitici su determinati punti. Non ha senso, in effetti, fare autopubblicazioni destinate a poche persone e ancor meno lette, ma in spirito laicamente ecumenico, bisogna apliare gli orizzonti, fare correlazioni, proiettare il locale nel globale, trovando punti di contatto. Il Matese, di cui si prenderanno in considerazione il lato religioso, civile, economico e sociale, rappresenta la base tematica di partenza, ma certamente non l’unica. Partendo dalle fonti disponibili, tra cui l’Archivio Storico Comunale di Piedimonte Matese, si può fare tanto per collegare il passato, non privo di fasti, momenti avvincenti e forti progressi (si pensi alla forza dell’industria della lana, che vedeva Piedimonte quarta a livello nazionale nella prima metà del Seicento), al presente che ancora sta cercando una propria collocazione.

Link:

http://storiaglocale.wikidot.com/blog:_start

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *