Il prevedibile futuro della politica italiana

di Giuliano Lemme

Queste elezioni presidenziali, a prescindere dalla riconferma di Mattarella (col senno di poi, forse scontata sin dall’inizio) hanno fatto emergere alcuni elementi. Primo fra tutti, la perdita, forse definitiva, di qualsiasi ambizione di leadership di Salvini, che ha giocato come peggio non si poteva la sua partita. Secondo, una saldatura politica tra Renzi, Toti e Berlusconi (con Calenda che è astutamente stato alla finestra senza prendere posizione). Terzo, e forse più rilevante, la consacrazione di Draghi, che probabilmente l’anno prossimo, dopo le elezioni, prenderà il posto di Mattarella.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: