Il Parco Nazionale d’Abruzzo

di Lorenzo Arnone Sipari

Un secolo fa, a Parco nazionale d’Abruzzo appena inaugurato, scoppiò il caso dei due laghi artificiali che la società Terni voleva realizzare nel territorio protetto, uno a Barrea e uno a Pescasseroli. La comunità del Parco insorse (i bacini per lo sfruttamento idroelettrico avrebbero “sepolto” molti ettari a coltura, parte del tratturo, case, una chiesa e un cimitero) e con essa molti intellettuali.
Uno dei principali storici dell’epoca, l’abruzzese #GioacchinoVolpe, sulla prima pagina del Corriere della Sera, espresse l’inconcibiliabilità tra un’oasi naturale e un lago artificiale, attaccando i “nemici del Parco”. Il ministro della pubblica istruzione #PietroFedele, che era insorto contro il collega dei lavori pubblici, fu fermo nell’applicazione della legge per le bellezze naturali (voluta da #BenedettoCroce e che ha, anch’essa, da poco spento le 100 candeline). Di fatto dopo un lustro di battaglie la comunità locale riuscì a bloccare il progetto del potentato industriale.
Ne parlo nell’articolo al seguente link:

https://www.academia.edu/88667134/_Il_Parco_Nazionale_dAbruzzo_liberato_dallallagamento_Un_conflitto_tra_tutela_ambientale_e_sviluppo_industriale_durante_il_fascismo_Rivista_della_Scuola_superiore_delleconomia_e_delle_finanze_I_2004_8_9_27_39

P.S. Ciò non toglie che in altro periodo, agli esordi dell’Italia repubblicana, e non a caso prima che il Parco fosse ricostituito, il primo dei due laghi sarebbe stato realizzato.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *