Il diritto all’aborto in Francia

di Federico Smidile

Nella sede più solenne, Versailles, nelle forme più alte, le camere riunite, la Francia inserisce in costituzione il diritto all’aborto.
Giustamente i progressisti apprezzano. Ma si scordano di elogiare colui che da un anno e mezzo lavora per questo. L’unico che ha il potere vero di far cambiare la Costituzione. Il presidente della Repubblica Macron. Uomo non di sinistra e non particolarmente amabile ma che ha preso questa iniziativa e l’ha portata avanti, pur dovendo accettare compromessi.
Non male per un “incapace fascista” come venne spesso definito in Italia. Chapeau Monsieur le Président da un suo avversario.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *