Gino Severini

di Castello di Rivoli. Museo d’arte contemporanea

Ricordiamo Gino Severini, nato oggi nel 1883 a Cortona.
Famosa e la fotografia che ritrae l’artista all’inaugurazione della sua personale tenutasi alla Marlborough Gallery di Londra nel 1913.
Alle spalle c’è il suo autoritratto, oggi fa parte della Collezione Cerruti.
Quello non fu un buon periodo per Severini, nelle poche pagine dedicate all’esposizione londinese, ricorda le terribili condizioni economiche di
quella primavera del 1913, con lo studio pignorato dai creditori e i quadri per la mostra bloccati dal sequestro (poi per fortuna risolto dall’amico olandese Dop Bles che finanziò per intero il trasferimento dell’artista e delle opere). Ricorda anche come, nonostante la curiosità del pubblico e l’interesse della stampa, le sperate vendite non arrivarono.
L’autoritratto che nel 1914, al suo rientro in
Italia, fu quasi certamente esposto dal gallerista Giuseppe Sprovieri a Napoli, in una grande mostra collettiva. Dopo una permanenza in una collezione londinese, è entrato a far parte nel 2000 della
Collezione Cerruti.

Una sorta di auto presentazione in chiave di artista di successo, un elegante dandy, un tratto qui in comune con l’immagine pubblica di Marinetti, che ancora una volta dà ragione della profetica attenzione prestata
dai futuristi agli elementi impalpabili della comunicazione nel nascente sistema dell’arte.

Anche oggi la Collezione Cerruti è aperta al pubblico e i biglietti si acquistano solo on Line .

https://www.castellodirivoli.org/visita/

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *