Costretti ad essere pellegrini

di Mario Ascheri

COSTRETTI A ESSERE PELLEGRINI!

Per pericolo epidemie in passato era normale cacciare mendicanti, vagabondi, ‘puttane’ come si diceva, e spesso ebrei. Zingari inclusi sui quali da un lavoro di Andrea Padovani in un libro pubblicato in Germania traggo “il caso di una carovana di Zingari arrivati a Bologna nel 1422. Essi allegavano un diploma manifestamente falso dell’imperatore Sigismondo contenente l’asserito privilegio di poter commettere impunemente furti per i sette anni nei quali essi erano
costretti a peregrinare a sconto di una passata abiura della fede cattolica. Questa storia ha offerto l’occasione per esaminare la condizione giuridica degli Zingari (…) che rappresenta il primo caso di apolidia”.
(E’ l’imperatore che ebbe una lunga presenza, con conseguenze culturali, su Siena.) Interessante che si potesse anche soltanto presentare una scusante del genere, non Vi sembra?

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *