Come uscirne senza ulteriori disastri

di Andrea Colombo

Il 90% del tempo che i media dedicano all’Ucraina è pura propaganda. Non me ne stupirei: che un paese in guerra faccia propaganda, anche rozza e di lega disgustosa, è nell’ordine delle cose.
Nel tempo lasciato libero dalla descrizione dell’eroismo ucraino, dal vituperio dell’aggressore e dall’esaltazione dell’isolamento dei cattivi (essendo quei 4mld di terrestri che non partecipano alla santa crociata poveri e colorati, quindi insignificanti) si parla di tutto tranne che di un particolare: come uscirne senza ulteriori disastri. E’ il solo argomento tabù, considerato evidentemente di scarso interesse e nulla importanza.
Se si somma l’eloquente dato all’agghiacciante e definitiva immagine di una piazza che inneggia alla terza guerra mondiale sventolando le bandiere della pace si conclude che davvero non c’è proprio via d’uscita.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: