Casa Isolani, a Bologna

di Gian Ruggero Manzoni 

UNA CURIOSITA’ – A Bologna, in Strada Maggiore, si trova l’ingresso dell’antica Casa Isolani; sotto il portico in legno della stessa sono conficcate tre frecce, non facili da scorgere. La storia vuole che, agli inizi del 1300, tre sicari si trovassero lì per uccidere un membro di quella famiglia nobile. Molte frecce partirono indirizzate verso una finestra dell’abitazione, ma tre, causa la foga nello scoccare, andarono a conficcarsi là dove oggi le vediamo, cioè all’altezza di nove metri da terra. Comunque l’attentato fallì e gli Isolani, a loro volta, procedettero verso un membro della famiglia rivale, quella dei Malvezzi.
“[…] Voi siete gli archi dai quali i vostri figli,
come frecce viventi sono scoccati.
L’Arciere vede il bersaglio sul percorso dell’infinito,
e con la forza vi piega, affinché le frecce
vadano veloci e lontane.
Lasciatevi piegare con gioia dalla mano dell’Arciere
poiché così come ama la freccia che scocca
Egli ama anche l’arco che sta ben saldo”. (Kahlil Gibran)

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *