Byblos, in Libano

di Massimo Vassallo

Byblos di sera (2 settembre)….
Byblos, in Libano, è situata poco più a nord di Beirut e in arabo si chiama Jubail (ma era già Gubail nel II millennio a.C tanto che la misteriosa scrittura ‘pseudo-geroglifica’ del Medio Bronzo è chiamata ‘gublita’…dico ‘misteriosa’ perché pochi passi si sono fatti dall’epocale pubblicazione ad opera del francese M. Dunand nel 1945 della celebre ‘Byblia Grammata’ anche se É. Dhorme nel 1946 ne annunciò la decifrazione e debbo dire, in tutta onestà, che quando lessi i suoi articoli in bel francese nella rivista erudita ‘Comptes-Rendus de l’Académie des Inscriptions’ quasi mi convinse, il guaio per lui è che non convinse gli specialisti 😀);
Byblos ebbe rapporti antichissimi con l’Egitto e abbiamo il resoconto di Wenamun (c.a 1070 a.C)…. l’influenza egiziana è evidente nell’arte e nel culto;
le prime iscrizioni che possono definirsi ‘fenicie’ (c.a 1000 a.C) vengono da Byblos, in primis quella del Re Ahiram (circa 1000 a.C, un tempo lo si invecchiava di due secoli 😀) che vidi in mattinata al Museo Nazionale di Beyrut e poi quella di Shipitba’al ecc.
Byblos coniò moneta, con legenda fenicia, in età persiana (in V e IV secolo a.C);
Byblos era ancora importante in età romana (e ci sono le rovine);
insomma, a Byblos la Storia è di casa !

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *