Antonio Paolucci

di Luca Frigerio

Antonio Paolucci ci ha lasciato nella “sua” Firenze, a 84 anni. I suoi libri, le sue conferenze, i nostri scambi epistolari, sono stati per me fonte continua di ispirazione. Ne serbo un ricordo grato e affettuoso, per tutto quello che ha dato e che ha fatto per l’arte. Addio, maestro.

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Pier Paolo Meneghini ha detto:

    Oltre vent’anni fa seguivo assiduamente una rubrica televisiva pomeridiana (credo su RAI 3 Toscana) dove Antonio Paolucci, allora direttore dei Musei Vaticani, ci conduceva dottamente per la sua bella regione di nascita a conoscere i gioielli artistici di cui sono ricchi chiese e musei, talora anche semisconosciuti, di piccoli affascinanti centri urbani.
    È proprio da quel tempo (fine anni Novanta) che, in gite domenicali alle principali mostre d’Arte organizzate da un’agenzia di viaggi della Spezia, sempre insieme con un mio collega e amico bancario, conosco l’Arte dei grandi protagonisti di Pittura, Scultura e Architettura. 
    Grazie a te, grande Direttore e Maestro.

    Pier Paolo Meneghini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *