Alcune considerazioni su Alberto Asor Rosa

a cura del CDEC (Centro Documentazione e Cultura Ebraica)

Su Alberto Asor Rosa, intellettuale poliedrico che ha influenzato profondamente la cultura italiana del secondo Novecento, si stanno leggendo importanti ricordi e riflessioni sui quotidiani e in rete. Lo ricordiamo con rispetto per la sua storia innovativa della letteratura italiana e per il suo impegno nella preservazione del paesaggio. Più controverso e a tratti non lineare il suo percorso politico. Sul suo libro dedicato alla Guerra (La guerra. Sulle forme attuali della convivenza umana, Einaudi, Torino 2002) sembra si preferisca tacere. A ragione. Vi si leggeva fra l’altro questo passaggio: “La storia dello Stato di Israele è la vivente testimonianza del fatto che il passato di un popolo non lo àncora necessariamente ai valori della sua tradizione e alla memoria delle proprie sofferenze. … Gli israeliani sono gli immediati discendenti degli ebrei che hanno subito i pogrom e l’olocausto, ma non conservano nulla del carattere di vittime che li ha contraddistinti nella storia: per non essere più vittime, sono entrati direttamente, – quasi senza mediazioni, – nel novero dei carnefici. … In compenso, una grande fonte del pensiero mondiale [l’ebraismo n. d. r.], più volte alternativa alla cupa gravezza e all’ossessione di dominio dell’efficientismo tecnologico occidentale, si è disseccata. L’Occidente intero è più forte per merito dell’esercito e dello Stato d’Israele. L’Occidente intero, senza pensiero ebraico, è più povero e al tempo stesso più rozzamente, banalmente totalitario. Se è mostruoso progettare la sopravvivenza di quel pensiero al prezzo della vita di milioni di persone, è altrettanto mostruoso osservare che la cessazione di quel pensiero non ha prodotto che una macchina militare-statuale delle più perfette, nel più pieno rispetto delle dinamiche occidentali di rapporto fra potere, violenza e oppressione. Olocaustus produxit exodum et exodus produxit olocaustum. Il cerchio infernale della storia umana ha compiuto un altro giro”. Sì, decisamente meglio tacerne. Che la terra gli sia lieve.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *