Albrecht DÜRER

di Gian Ruggero Manzoni

Rimango sempre esterrefatto quando vedo quest’opera realizzata da Mastro ALBRECHT DÜRER nella Germania Cinquecentesca. RHINOCERUS è il titolo di tale xilografia raffigurante un rinoceronte indiano giunto, in nave, a Lisbona nel 1515 e quindi indirizzato verso Roma, nello stesso anno. Il battello che lo trasportava fece naufragio davanti alle coste liguri, così che il rinoceronte, battezzato dai marinai Ulisse, annegò. Il sommo artista tedesco non ebbe una visione personale del rinoceronte; questa sua opera si basa sulla descrizione e sul bozzetto che lo stampatore Valentim Fernandes, presente allo sbarco, fece al fine di far capire a Dürer, super incuriosito, come fosse fatta la bestia. Solo al tempo degli antichi romani rinoceronti vivi, africani, erano giunti in Europa, o, per meglio dire, in Italia, al fine di renderli, quali rarità, esseri dimoranti entro i giardini recintati di certi patrizi, oppure come animali usati nelle arene in lotta coi gladiatori o con altri animali feroci. Quindi erano circa 1.200 anni che in Europa non se ne vedevano. L’incisione su legno fu messa in opera da Dürer sempre nel 1515, allorquando il Re del Portogallo Manuele I diede l’ordine di condurre a Roma il rinoceronte per regalarlo al Pontefice Leone X nato Giovanni di Lorenzo de’ Medici. La xilografia di Dürer, grande cm 23.5 × 29.8, non si sa in quante copie sia stata tirata, ma di certo furono molte, visto che, negli anni successivi, allo stampatore giunsero richieste da tutto il Vecchio Continente. Questa che vedete è la copia custodita presso il British Museum di Londra. Oltre a questa, in tutto il mondo, se ne contano altre 21 (certe) presenti in collezioni private o in musei.

Buon sabato sera amiche e amici … e buona domenica !!!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *